Qualche Parola in Rosa

https://twitter.com/philalb3rtin/status/823140129200074752

Una folla oceanica che manifesta — anche, intendiamoci, per cose giustissime — non è necessariamente indice di azione comune, coerente e coordinata. Anzi, forse il contrario: in gruppi troppo grandi non ci si può parlare, non si hanno rapporti diretti.

Queste sono le mie impressioni sulle marce “anti-trumpiane” che hanno in queste ultime ore animato le strade statunitensi, e non solo. Non si tratta di una critica ideologica. Anzi, il contrario. Non potrei essere più contrario alle politiche rappresentate dal nuovo presidente degli States. Ma non si tratta di questo. Si tratta, nel mio caso, di riconoscere (anche se in parte) in tali movimenti le stesse dinamiche che riconoscevo in fenomeni come quello delle FEMEN.

Autocitazione sulla Creatività

La creatività riguarda essenzialmente la capacità di prendersi sul serio, cioè la capacità di elaborare contenuti lungo una direttrice che rappresenti il giusto mezzo tra due estremi: da un lato il difetto, dall’altro l’eccesso di autostima. Chi si crede un deficiente, non crea nulla. Chi si crede un genio, si rende ridicolo.

Filippo Albertin

Credo di aver detto una cosa molto esatta. Soprattutto, molto operativa, utilizzabile, traducibile in azione concreta.

Essere un Blogger

Essere un blogger: una parola. Un blogger è uno che parla; fondamentalmente questo, uno che parla, che si esprime, che delucida tramite esempi. Io sono un musicista. Faccio progetti in ambito musicale, e più in generale creativo. Ma qui vorrei essere qualcosa di leggermente diverso. Un blogger, appunto. Uno che parla, uno che dice, uno che — soprattutto — esplora e condivide.

Vorrei aumentare le foto. Sì, le foto di cose che faccio. Foto scattate da vicino. Foto delle mie cose, delle mie poesie annotate su quaderni, dei miei spostamenti sul territorio veneto, dove vivo e lavoro.